Roberta Carrieri

 

Salve A tutti Williny, oggi vi portiamo una Clown trampoliera, performer in installazioni, vestita da Barbie fetish in una confezione trasparente, con ostensorio e gomma da masticare in bocca, al limite della provocazione, immobile per ore, addormentata in una valigia rossa come la bambolina di porcellana di un carillon, ama trasformarsi ma soprattutto cantare e scrivere canzoni. Ma sa anche portare gioia nei cuori dei bambini e dei grandi attraverso i suoi pupazzi che orma sono come dei figli per lei, con l’arte della ventriloquia. Questa è Roberta e non chiamatela Artista perchè lei è molto di piu. Volete conoscerla? leggete la sua intervista

 

Roberta Carrieri

 

 

Benvenuta, prego presentati                                                                                                                                Roberta Carrieri, cantautrice e ventriloqua

Come nascono le tue passioni? Ne hai una preferita?                                                                                      Nascono quando ero piccola per emulare i miei genitori artisti, mio padre suonava e cantava e
mia madre dipingeva. Il teatro è la forma d’arte più completa, perché può
racchiudere tutte le arti in sé perciò è la mia preferita

Fra tutte le tue passioni quale è la più difficile e perché?                                                                                    Tutte, perché sia per la musica che per la recitazione o il ventriloquismo bisogna sempre
tenersi in allenamento fisicamente e mentalmente e c’è sempre da ricercare
e studiare. Oltre che gestire poi queste cose dal punto di vista lavorativo e
promozionale.
Nella tua vita hai partecipato a spettacoli ed eventi. Quale tra questi ti ha dato più soddsfazione                      A ripensarci ora dopo due anni di fermo dovuto al Lockdown, i live sui grandi palchi all’estero e in Italia anche se all’epoca non me ne rendevo conto perché sembrava tutto dovuto e naturale. Su
YouTube cercando Roberta Carrieri U.s.a. si può vedere qualcosa di questi
concerti.


Da quando hai iniziato ad oggi ti trovi migliorata? Cosa ancora hai da migliorare?                                            C’è sempre da migliorare, è un percorso infinito di ricerca, ma
è divertente! Mi piacerebbe migliorare come chitarrista perché sono più
brava a cantare

Progetti per il futuro?                                                                                                                                                  Sto lavorando a dei pezzi nuovi, un paio in
collaborazione con Van de Sfroos, usciranno presto. Tornerò sui palchi appena possibile.

I “pupazzi” li hai creati tu? Se si quanto tempo ci hai impiegato?                                                                           Jessica la coniglietta rosa mi è stata regalata (quindi comprata così com’era), Kuklamu la bambolina satirella con le corna, l’ho fatta costruire da un famoso pupazziere dopo averla disegnata io stessa per uno spettacolo teatrale sulla Grecità (per questo una satira, devota a Dyoniso) con Moni Ovadia. Il pupazziere è lo stesso che ha costruito Uan di Bim Bum Bam e tutti i pupazzi di Mediaset degli anni 80 e si chiama Enrico Valenti

 

Molte più persone si stanno approcciando al mondo della ventriloquia ,secondo te perché?                              Forse per via della visibilità che questo antico mestiere ha avuto con i talent show finalmente anche in Italia

Cosa andrebbe migliorato in questo mondo artistico?                                                                                  Mancano le ventriloque donne…come in molte arti.

Secondo te in Italia la ventriloquia è un arte apprezzata o è più vista di buon
occhio all’estero?                                                                                                                                                            In Italia è poco diffusa, all’estero c’è una tradizione legata alla ventriloqua. Infatti i materiali per la costruzione dei pupazzi non sono reperibili in Italia, ad ora. Il motivo non lo conosco, non ho mai pensato di approfondire la questione.

I talent show,internet con youtube tiktok e i social network possono essere
di aiuto per dare visibilità anche per effettuare delle collaborazioni o solo chi veramente ne sa trarre vantaggio può farsi notare?                                                                                                                                          Certo che può aiutare, ma bisogna usarli con personalità e costanza e in maniera intelligente.

Bisogna avere doti particolari per fare il ventriloquo? È una forma d’artevista solo per bambini o può interessare anche gli adulti?                                                                                                                                   Piace anche agli adulti, dipende da cosa fai dire al pupazzo. Io ho portato i miei pupazzi nei miei concerti e funzionano molto bene. I testi sono diversi da quelli che uso su Tik Tok dove mi seguono generazioni più giovani, giovanissime direi.

Si possono collegare secondo te arte e musica soprattutto nei tuoi due campi? Se si in che modo?                    La musica è infatti un’arte. Io ho collegato musica e ventriloqua, facendo cantare i pupazzi e portandoli in tour con me nei concerti da cantautrice.

Quali consigli vorresti dare a chi vorrebbe iniziare a suonare e/o fare la ventriloqua?.                            Chiudersi in casa e studiare! Ah ah ah! Registrarsi (audio e video) riascoltarsi, pubblicare per capire cosa funziona r cosa no.
Dove ti possono seguire le persone?(indica i link dei vari social)
tik tok: https://vm.tiktok.com/ZMeCtoTRv/
Spotify: https://open.spotify.com/artist/1eHsZqytUPNtq8bOhYvotL?si=qek5TlhVSGe4fkfoDnJQUw
Youtube: https://www.youtube.com/user/carrierta
Facebook: https://www.facebook.com/RobertaCarrieriOfficial
Instagram: https://www.instagram.com/roberta.carrieri.official/

Ti ringrazio per il tempo concesso e spero che l’intervista sia stata di tuo
gradimento.                                                                                                                                                                    Grazie a te mi sono divertita molto