Ssiale

Ssiale, una cosplayer ventunenne della Val Camonica, ci invita a esplorare la sua storia unica. Dal 2022, ha trasformato un semplice gioco in una passione competitiva, partecipando a gare di cosplay nonostante affronti gravi disturbi mentali, tra cui depressione, ansia sociale, e disturbo borderline della personalità. Il cosplay rappresenta per lei una fuga e un mezzo per combattere le difficoltà quotidiane, trovando forza e conforto in personaggi come Mitsuri, Rebecca e Jinx. Grazie a questa passione, Ssiale sta riuscendo a superare le sue paure, a uscire di casa e a connettersi con nuove persone, condividendo anche la sua esperienza di poliamorosità. Scopri nel nostro articolo come il mondo del cosplay sta trasformando la vita di Ssiale, offrendole nuove possibilità di crescita e connessione.

Benvenuta, prego presentati ai nostri lettori.

Salve, mi chiamo Ssiale (non in maniera ufficiale, ma purtroppo non posso fare il mio nome per motivi medici) ho 21 anni della Val Camonica in provincia di Brescia e sono una cosplayer dal 2022. Ho iniziato a fare cosplay così per gioco, mentre ora faccio vere e proprie gare a premiazioni etc. purtroppo soffro di alcuni disturbi mentali tra cui depressione maggiore, ansia sociale e generalizzata, agorafobia, disturbo borderline della personalità, disturbo dissociativo dell’identità e anoressia atipica. Nonostante queste problematiche mi siano un po’ di intralcio certe volte durante le fiere cerco di non ascoltare le voci nella mia testa per far in modo che loro non vincano. Infatti cerco di portare cosplay con cui mi sento a mio agio, per esempio Mitsuri, perché sono poliamorosa, Rebecca, perché sono fuori ti testa, e jinx perché nella serie di arcane l’hanno resa con il disturbo borderline di personalità come me, e fin’ora il mondo del cosplay mi sta aiutando molto a uscire di casa e ad aprirmi con persone nuove, anche se ho delle qualità come la poliamorosità, ovvero amare più persone contemporaneamente allo stesso modo.

Questa tua qualità come può essere vista?

Ma ad esempio nel cosplay di Mitsuri perchè nonstante a lei piaccia Obanai fa sempre commenti su quanto siano carini gli altri. Comunque ognuno ama a proprio modo, non si deve per forza stare in una relazione monogama.

Quale è stato il tuo primo cosplay?

Nezuko perchè regalato per una fiera però ancora non sapevo nulla sul cosplay. Mentre di quelli che ho portato è stato Mitsuri di Demon Slayer.

In base a cosa avviene la scelta dei personaggi da portare e quanto tempo impieghi nel realizzarli?

In base a quanto mi possa far star bene quel personaggio e anche in base ai prop, perché a me piace portare un personaggio con dei prop comunque non seimolici da preparare per il gusto di farli su a mano, infatti sono una prop maker su commissione. Per quanto riguarda le tempistiche dipende, per il costume di jinx calcolandolo assieme ai prop ci ho messo due mesi

Cosa ne pensi di chi,sopratutto le ragazze che fanno cosplay andando a sessualizzare il personaggio?

Io non ci vedo nulla di male nel farlo se alla persona piace,il corpo è suo ed è libera di fare ciò che vuole. Io ad esempio sto preparando la versione femminile di Gojo ma non si può dire che sia sessualizzato tipo tette di fuoi o altro, perchè è un abito nero aderente con degli stivali.

Un aneddoto o curiosità che ci vuoi raccontare?

Nel 2021, avevo 19 anni purtroppo pesavo 37kg,cosi mi hanno dato degli psicofarmaci per mettere su peso solo che hanno esagerato, ne ho messi 32 kg in meno di due mesi, arrivando a pesare 69 kg. Per fortuna ora ne ho persi 12

  • 37kg
  • 69kg
  • ora

Cosa dovresti migliorare fisicamente e sul cosplay?

Ora sono al limite del mio peso forma. vorrei poter perdere ancora qualche kg per sentirmi a mio agio nella mia stessa pelle, anche perchè molti cosplay che avevo fatto non mi vanno più bene proprio perchè ora mi stanno stretti. Per quanto riguarda il cosplay sto rifacendo alcuni prop migliorati per poterli poi portare alle gare.

Progetti per il futuro?

Prossimo personaggio che porterò è Sinon versione alicization di SAO, perchè lei quando era piccola ha vissuto un trauma che la ha sempre bloccata in quello che faceva, e mi ci rivedo in quanto a 13 anni ho perso un mio amico per via di alcuni tumori e non lo ho ancora superato. Ci saranno molti photoset in programma con futuri cosplay e spero che un giorno il mio nome sia abbastanza conosciuto nell’ambito del prop making, non intendo essere famosa, ma un icona di riferimento per cosplayer che vogliono realizzare prop fatti da loro senza cartamodelli come faccio io. Infatti la nuova pagina di Cosmakeitalia come Cosmaker e ne sono molto orgogliosa.

Mentre nel cosplay cosa andrebbe migliorato?

Secondo me il modo di porsi di alcuni soggetti, che se vedono una persona con lo stesso cosplay se ne vanno oppure si lamentano di quanto siano fatti male i cosplay degli altri, purtroppo non ne parlano molti ma anche dietro il mondo del cosplay esiste il bullismo, il cyber-bullismo, il razzismo e l’odio

Hai detto di aver partecipato a fiere e competizioni, quali?

Oddio a parecchie Milan games week, Novegro, Gardacon, Brick expo a Torino, a Milano Malpensa, Malpaga, Camunix, al centro commerciale di Bergamo, al centro commerciale le rondinelle, al bt comics, Giardino sigurtà, Parco ottocento, Grazzano Visconti e altre che non ricordo per quanto riguarda sia 2022 che 2023

Hai diversi tatuaggi da come possiamo notare nelle foto. Molti fanno riferimento al tuo stato di salute?

Molti si, ma molti no, io di lavoro sono una tatuatrice e una piercer professionista quindi molti ne li sono fatta io e altri raccontano delle storie, ne ho 64 per il momento, ma queste storie non sono ancora pronte per essere raccontate a voce, servono a me come promemoria di una cosa successa come una pietra miliare

Per te il cosplay e il prop cosplay cosa sono?

Un metodo alternativo di sfogo e un modo per fare progressi nei miei disturbi, oltre a un modo di divertimento per quanto riguarda le gare. Nonostante i miei genitori non mi supportino e mi dicano che sono tutte cose inutili

Alla fine i cosplay può essere sia arte ma anche una funzione terapeutica?

Si esattamente ed è ciò che sto provando a fare io.

Consigli per chi volesse iniziare a fare cosplay?

Di partire facendo quello che si sentono, non devono già al primo cosplay fare mille prop, consiglio di partire con qualcosa di facile e se ha dei prop magari di comprarli se non se la sente di farli su e di capire che dal primo si può solo migliorare, ma bisogna iniziare per far in modo che ciò accada, anche con un cosplay semplice

Mentre consigli per chi come te ha questi sintomi, problemi e vorrebbe superarli anche per potersi godere una giornata in cosplay e in fiera?

Di non sentirsi in obbligo ad andarci se già non sei stato bene nei giorni precedenti alla fiera,sarà solo una giornata di inferno, farai solo più fatica andare agli eventi. Piuttosto si inizia da eventi piccoli, locali con poche persone o persone che conosci e soprattutto non essere da solo ma si accompagnato

Dove ti possono seguire le persone?

Su instagram ssiale.cos

Ti ringrazio per il tempo concesso e spero che l’intervista sia stata di tuo gradimento.

Certo grazie a te.

Se l’intervista è stato di vostro gradimento perchè non leggete anche quella di Greta(Sgranfy)

  • 37kg
  • ora

Scopri di più da Willysearch

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Codice sconto:Willysearch10 per il 10% su un minimo di 50€MySecretCase - il Piacere è scontato

Questo si chiuderà in 0 secondi

Scopri di più da Willysearch

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading